Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo dell’08 Febbraio 2021 | Mc 6,53-56

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono.
Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse. E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.

Mc 6,53-56

È rimasto scosso, il Signore. Pensava (sperava?) che i suoi avessero capito ma il fatto dei pani lo ha turbato. Appena tornati dalla missione, travolti dalla gioia dello Spirito, stanchi e felici, hanno invitato il Signore a cacciare la folla che li aveva preceduti sul luogo del riposo. Allora il Signore li ha costretti ad andare all’altra riva, quella delle città pagane, per imparare la misericordia. La tempesta li ha colti e il Signore li ha raggiunti. Il lago si placa e toccano riva. Ma è la stessa riva da cui sono partiti… La traversata non è riuscita, non sono ancora in grado. Immenso Signore, che sceglie di non scegliere altri collaboratori! Immenso Maestro che torna sui suoi passi, che capisce che devono fare, che dobbiamo fare, ancora molta strada! E ricomincia: accoglie, ascolta, guarisce, libera. Si consuma, donandosi fino in fondo. Forse, vedendo ciò che sta facendo, i suoi impareranno. Forse.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare