Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 30 Aprile 2021 | Gv 14,1-6

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».
Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me».
Gv 14,1-6

Sono turbati, i discepoli. Nel lungo discorso dopo l’ultima cena, una sorta di riassunto dottrinale di quanto detto da Gesù, hanno sentito il Maestro parlare di partenza, sanno che resteranno soli ma ancora non immaginano in quale modo drammatico e improvviso ciò accadrà. Sono smarriti, come spesso siamo anche noi, e il Signore rassicura noi e loro: egli ci aspetta, ci prepara un luogo, dobbiamo solo raggiungerlo e non perdere la fede. Si, ma come raggiungerlo?, chiede Tommaso. Il Signore ci incoraggia: lui è la strada che porta a Dio, lui è la verità che ci porta a conoscere noi stessi, lui è la vita che germina in noi e che illumina tutto ciò che facciamo. Cristo non è un soprammobile alla nostra complessa vita, una parentesi rassicurante del nostro cammino, un’assicurazione contro gli accidenti, ma è l’unico capace di portarci a Dio, a noi stessi, l’unico capace di farci innamorare della vita. E a farne dopo, come ha fatto lui.

Share:

1 Comment

  • Mariagrazia Marinari, 30 Aprile 2021 @ 12:01 Reply

    E a farne dopo era a farne dono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Vi odia

Scritto da  

Più grande

Scritto da  

Mi ama

Scritto da