Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 12 Ottobre 2021 | Lc 11,37-41

In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo.
Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».

Lc 11,37-41

Giuro che non capisco: il fariseo ha invitato Gesù a pranzo. Un gesto coraggioso vista la pessima fama del Nazareno; quindi sembra desiderare un confronto, un incontro: invitare a casa propria è gesto intimo, delicato. Invece no: appena entra lo giudica in cuor suo. Il suo non era un invito, ma una trappola, un piccolo tribunale interiore in cui l’imputato non ha scampo. Nonostante questo Gesù vede il positivo in quest’uomo piccino, e lo invita ad andare oltre il giudizio, a strappare le classifiche e i patentini di santità, a capire il senso profondo della Legge divina senza diventare avvocato di Dio. E indica a lui e a noi un modo semplice per diventare puri, per semplificare lo sguardo, per superare il giudizio, per notare il grano che sovrasta la zizzania: dare in elemosina quanto c’è dentro, donare se stessi, semplici e liberi come lui, il Maestro, è stato più di chiunque altro.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare