Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, la folla disse a Gesù: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”».
Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane».
Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».
Gv 6,30-35

Gesù chiede alla folla che ha sfamato di credere in lui. Non di compiere delle opere per avere il cuore ricolmo, ma di credere. Solo la fede ci nutre, solo la fede ci sfama. E la folla, leggete bene! chiede un segno. Un altro! Ancora! Quanti esami deve passare Dio per essere degno della nostra fiducia? Quanti processi deve affrontare perché, infine, crediamo in lui? Passiamo la nostra vita nella dimenticanza, travolti dalle cose da fare, indifferenti alla profondità del nostro essere. Poi, quando qualcosa va storto, cominciamo a bussare a Dio, a chiedergli insistentemente segni della sua presenza. Noi che siamo attorniati dai segni della sua presenza, desideriamo ancora dei segni più eclatanti, a nostra misura. E cosa deve fare Dio? Perché deve stare dietro ai nostri capricci? Non facciamo come la folla del vangelo di oggi, sappiamo riconoscere il grande segno della presenza di Dio che è l’eucarestia. Lasciamo da parte i dubbi e chiediamo con forza al Signore di donarci il pane che sazia il nostro cuore, l’unico che davvero può riempire il nostro bisogno di infinito.

 

2 Comments

  • Elisabetta, 16 Aprile 2024 @ 01:50 Reply

    Caro Paolo, leggo molto spesso i tuoi commenti quotidiani al Vangelo, con cui comincio le mie giornate. Ti volevo semplicemente dire grazie.

  • Lidia, 16 Aprile 2024 @ 17:41 Reply

    Indifferenti alla profondità del nostro essere…
    Indifferenti alla presenza tra noi di Cristo… nell’Eucarestia..
    Indifferenti alla Verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Accoglie me

Scritto da  

Tu seguimi

Scritto da  

Mi vuoi bene?

Scritto da