Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei:
«Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe vera. C’è un altro che dà testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli dà di me è vera.
Voi avete inviato dei messaggeri a Giovanni ed egli ha dato testimonianza alla verità. Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché siate salvati. Egli era la lampada che arde e risplende, e voi solo per un momento avete voluto rallegrarvi alla sua luce.
Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato.
E anche il Padre, che mi ha mandato, ha dato testimonianza di me. Ma voi non avete mai ascoltato la sua voce né avete mai visto il suo volto, e la sua parola non rimane in voi; infatti non credete a colui che egli ha mandato.
Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me. Ma voi non volete venire a me per avere vita.
Io non ricevo gloria dagli uomini. Ma vi conosco: non avete in voi l’amore di Dio. Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi accogliete; se un altro venisse nel proprio nome, lo accogliereste. E come potete credere, voi che ricevete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene dall’unico Dio?
Non crediate che sarò io ad accusarvi davanti al Padre; vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza. Se infatti credeste a Mosè, credereste anche a me; perché egli ha scritto di me. Ma se non credete ai suoi scritti, come potrete credere alle mie parole?».

Gv 5,31-47

Giovanni Battista, le opere compiute, il Padre, la Scrittura, le parole di Mosè: tutti danno testimonianza su Gesù, tutto converge nell’aiutarci a comprendere la sua profonda identità, la sua reale missione. Eppure niente, gran parte dei giudei che lo ascoltano, che, pure, hanno visto il prodigio del paralitico guarito, non aprono gli occhi, non sciolgono il cuore, sono induriti nella loro intelligenza. Non vedono e non odono perché non vogliono vedere e ascoltare. La ragione è semplice, dice il Signore: sono pieni di loro stessi, delle loro convinzioni, ricevono gloria gli uni dagli altri, se la cantano e se la ballano inamovibili nelle loro certezze. E così si perdono Dio. Solo un cuore aperto alle continue sorprese di Dio è in grado di aprirsi all’accoglienza di quanto oggi ha da dire. Solo una mente curiosa e capace di mettersi in discussione può riconoscere le tracce della presenza di Cristo nella propria vita…

 

3 Comments

  • Maria Luisa, 14 Marzo 2024 @ 06:18 Reply

    Grazie Paolo, e’ una gioia iniziare la giornata con la Parola commentata da te????Maria Luisa

  • Laura, 14 Marzo 2024 @ 08:08 Reply

    Questo brano mi mette in crisi perché mi pone il dilemma se credere allora anche a tante manifestazioni miracolistiche di oggi che, per mia natura e formazione morale, rifuggo. Mi chiedo se anche al tempo di Gesù avrei rifiutato i segni che compiva come hanno fatto gli uomini devoti del suo tempo e viene spontaneo dire “Che sciocchi e ciechi a non voler vedere e credere”.
    Però, sì, le sue tracce nella mia piccola vita le rivedo, eccome! Sempre dopo, purtroppo ..

  • massimiliano, 14 Marzo 2024 @ 14:10 Reply

    Mi è capitato di piangere lacrime amare per una brutta esperienza che era capitata alla nostra famiglia. Poi mia moglie mi ha aiutato a vedere le cose da una diversa prospettiva ed oggi posso dire di aver versato dolci lacrime di commozione per aver potuto riconoscere l’opera di Dio che ha agito per il nostro bene esaudendo al tempo stesso le mie preghiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *